Language Switcher

Da Asti ad un team internazionale di ricerca sulla malaria: la storia di Eleonora Aquilini

eleonora aquilini

Astigiana, specializzata in Biotecnologie Mediche e Farmaceutiche, dopo la laurea conseguita con il massimo dei voti presso l’Università di Pavia, Eleonora ha iniziato a inviare il suo curriculum a numerosi centri di ricerca, ma senza risultati. Tornata ad Asti, ha cominciato un tirocinio semestrale gratuito presso il reparto Malattie Infettive dell’ospedale Cardinal Massaia. La svolta fondamentale è avvenuta con la candidatura al Progetto Leonardo da Vinci Unipharma-Graduates, promosso e gestito dalla Fondazione di Noopolis con il coordinamento dell’Università di Roma la Sapienza. Eleonora è stata uno dei 50 vincitori del bando, selezionati tra i neolaureati del settore in tutta Italia, ed è partita così per Barcellona: "Sono nata un’altra volta: come scienziata, perché finalmente mi davano la possibilità di fare quello per cui avevo tanto studiato, ricerca scientifica; e come persona, perché viaggiare allarga la mente".

Dopo i 6 mesi di stage offerti dal progetto presso un Laboratorio di Microbiologia dell’Università di Barcellona, Eleonora è rimasta in Spagna per 7 anni. Ha infatti frequentato un Master in Microbiologia Avanzata (2009) e iniziato il PhD in Microbiologia ambientale e Biotecnologie, che ha terminato nel 2013, studiando i fattori di virulenza batterici. 
Maturata una grande esperienza nell’ambito della biologia molecolare, ha fatto di nuovo le valigie, stavolta per Lisbona, dove è entrata a far parte del network “GlycoPar”, un programma di formazione e ricerca finanziato dall’Unione Europea e coordinato dal professor Joao Rodrigues, con il compito di studiare la “glicosilazione di Plasmodium falciparum”, ovvero, cercare di definire e caratterizzare gli zuccheri presenti sulle proteine del parassita responsabile della malaria. Un compito di grande rilevanza nell’ottica di riuscire a sviluppare un vaccino per contrastare questa grave malattia che, in alcune aree del globo, miete ancora moltissime vittime.

 

European Quality in Mobility Award, Graz 2006

EUROPEAN QUALITY IN MOBILITY AWARD, GRAZ 2006

 Nel 2006 il progetto Unipharma-Graduates è stato selezionato dall'Agenzia Nazionale Leonardo da Vinci per la "European Quality in Mobility Award" come migliore progetto italiano di mobilità nella categoria "studenti"  e si è classificato tra i cinque migliori progetti di mobilità in Europa per la qualità della sua gestione.

UPG participants

UPG Supervisors